Primo tempo dominato, ma niente gol: Ferrarese fa 1-0 per il Noventa

Terza sconfitta di fila e sempre per 1-0: lo Jesolo non inizia col piede giusto il 2015, nelSchermata 2015-01-12 a 08.52.34 match che lo vedeva opposto alla capolista Noventa in trasferta. Non è stato sufficiente, infatti, un primo tempo dominato (a differenza di quanto riportano quotidiani e radio locali), dove i nerazzurri potevano chiudere almeno sullo 0-2 la prima frazione. Troppi gol sbagliati e scarsa cattiveria sottoporta, ma anche sfortuna, con un palo colpito da Fabio Giordano (anche qui, rispetto ai mezzi di informazione, c’è differenza tra sfiorare un palo e colpirlo con la palla che ritorna in campo…), non sono bastati. Nella ripresa, complice una disattenzione difensiva, bomber Ferrarese ci ha castigato dopo tre minuti, siglando l’1-0 che ha deciso il match.
Poi ci si è messo di mezzo anche l’arbitro, il signor Shvay di Treviso (già protagonista in passato di alcune sviste quando ci ha arbitrati), che ha estratto il rosso a Simone Soncin (doppio giallo, il secondo esagerato) e a Fabio Giordano (anche questo incomprensibile), oltre che poi cacciare anche mister Pillon senza spiegazioni. In nove contro undici abbiamo tenuto, con un grande Lucchetta a evitare il 2-0 locale in varie occasioni.
Una “prova del nove” fallita per noi, sicuramente, perchè il Noventa ha comunque mostrato la sua forza e la potenzialità di un gruppo che può arrivare lontano. Noi non siamo stati da meno, e dovremo riflettere, come dichiarato qui nelle interviste da mister Pillon, ma è chiaro che poteva starci pure un pareggio. Parola d’ordine ora è rialzare la testa e tornare a vincere, da domenica prossima, in casa contro il fanalino di coda Gruaro.

NOVENTA-JESOLO 1-0
Marcatore: st 3′ Ferrarese

NOVENTA DI PIAVE: Sforzin, Rossetto, Sprezzola, Guerra, Bagolin, Turchetto, Cancian, Isoni, Pietropoli, Ferrarese, Canzian (st 39′ Maimone). All: Corò.
JESOLO: Lucchetta, Soncin, Scardellato, Finotto, Danieli, Cresce (st 15′ Amadio), Silvestri M., Bianco, Geronazzo, Giordano, Furlan (st 15′ Vedovotto). All: Pillon.
Arbitro: Shvay di Treviso.
NOTE – Angoli: 2 – 3. Ammoniti: Bagolin, Soncin, Giordano e Amadio. Espulsi: Soncin, Giordano e Pillon (all.). Recuperi: pt 0′; st 5’. Spettatori: 300 circa.

IL GAZZETTINO – LE INTERVISTE POST-PARTITA

Una vittoria che significa salvezza già alla prima giornata di ritorno ma soprattutto che consolida il primato in classifica. Clima di grande festa ieri per il Noventa, sempre capolista e ormai pronto a puntare in alto. «Non ci nascondiamo più – ha commentato al termine della gara mister Nerio Corò – l’obiettivo è davanti a noi: puntiamo a fare bene con tutti. La gara contro lo Jesolo è stata difficile e abbiamo sofferto. Tuttavia giocando con convinzione, entusiasmo e grazie all’aiuto del pubblico abbiamo ottenuto i tre punti. Questa è la strada giusta per andare avanti». Semmai, a fare difetto, sono state le tante palle gol sprecate con le quali la partita poteva essere chiusa senza affanni. «Dobbiamo lavorare su questo aspetto – sottolinea l’allenatore dei neroverdi – fare gol non è un nostro problema, però effettivamente partite come questa vanno chiuse prima. Va comunque detto che rispetto all’inizio campionato ora subiamo meno gol». Non a caso Corò esalta lo spirito della squadra. «Sono molto contento di come si stanno comportando i ragazzi – conclude – anche durante le feste abbiamo lavorato bene. Siamo un gruppo molto unito: la società mi ha messo a disposizione 24 giocatori e chi si scende in campo gioca anche per chi va in tribuna».
Clima opposto per lo Jesolo, dove non mancano le perplessità sulle scelte arbitrali. «Ma la nostra pecca è stata quella di non essere riusciti a finalizzare le occasioni create nella prima parte dell’incontro – dice il mister Tiberio Pillon – il Noventa poi ha fatto gol su un nostro errore. Questa sconfitta ci deve far riflettere su come prepararci al meglio per la prossima gara. Noi non molliamo e andiamo avanti per la nostra strada».

Giuseppe Babbo (Il Gazzettino)

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


4 − = tre